www.greciaitinerari.it

24 Itinerari in Grecia

Corfu
Samos e Ikaria
Mykonos e Santorini
Creta, 7 proposte di viaggio
Meteora e l'Epiro
Milos e Sifnos
Patmos e Astipalea
Ios e le Cicladi di confine
Lefkada, Parga e Paxi
Rodi
Simi, Tilos e Nissiros
una settimana a Skyros
una settimana a Aegina
Citera, Elafonissos e Mani

prossimamente

Lesbo
La Saronide e l'Argolide
La Calcidica

Scriveteci le vostre impressioni sui posti visitati. Paesaggi, sentieri, servizi, divertimenti. Molto gradito il materiale fotografico. Lo pubblicheremo: haris@iol.it

Avvertenza

Vacanze in Grecia, è un sito amatoriale senza fini commerciali il cui obiettivo è quello di fornire guide veloci sulla Grecia e raccogliere impressioni dopo le vacanze estive. Utilizza materiale tratto da guide sia cartacee che digitali e dai tacquini personali. Tenta una ricca esposizione fotografica facendo leva su contributi che facilmente possono essere oggetto di copyright. Si è pertanto ovviato riportando fedelmente una link al sito dell'autore e questo sia sotto ogni singola .jpg che nella sezione delle links. Eventuali contestazioni, segnalazioni o collaborazioni possono essere segnalate a haris@iol.it

Ristorante Taverna greca

MYKONOS

a Milano in Via Tofane, 5, tel 02-2610209

www.mykonos-ristorantegreco.it

Rodi

Entra

La città : Generalità; Storia: il passato ellenistico, bizantino, crociato, ottomano e fascista; un giro per il borgo vecchio

I dintorni: Kalithea, Faliraki, Afandou, Kolimbia, Tsambika, Archengelos, Ixià, Ialissòs, Kremastì e la valle delle farfalle

Lindo: La baia di San Paolo; l'area archeologica; Kiotari e Gennadi; Rodi meridionale

Ataviros e Chalki: il sito archeologico di Kamiros, Kritinia, Embonas e l'isolotto di Chalki

Kastelorizo: sulle tracce degli eroi del "Mediterraneo" di Salvatores

Rodi è collegata in aereo con Atene e Salonicco e via charter con i principali scali internazionali. In nave da Pireo.

Simi, Tilos e Nissiros

Entra

Simi: non solo un day trip da Rodi: la raccolta della spugna; il porticciolo più pittoresco dell'Egeo; paesaggi di mare sullo stretto con la Turchia

Tilos: isola di confine a un'ora e mezza di viaggio da Rodi. Spiagge vergini, terra arida e villaggi in via di abbandono,

Nissiros: il quarto vulcano ancora attivo dell'Egeo; villaggi pittoreschi, spiagge, miniere di pomice e acque termali a poca distanza dall'isola di Kos nel Dodecanneso

Si arriva a Simi e Tilos via Rodi e a Nissiros in nave da Pireo, via Kos.

Sivota, Parga, Paxi, Lefkada

Entra

Sivota, Perdikas, Parga e Prevesa: Le coste dell'Epiro lungo la tratta provinciale Igoumenitsa - Prevesa, una riedizione greca delle coste dell'Istria, molto segnalate a chi progetta vacanze in famiglia. Il porto di Igoumenitsa è direttamente collegato in nave con tutti i principali porti dell'Adriatico.

Paxòs: Il giardino dello Jonio, una delle isole più verdi della Grecia di dimensioni microscopiche. E' collegata con Igoumenitsa, Sivota e Parga e si distingue per il mare subtropicale e la catena di grotte superbe che scavano la costa occidentale.

Lefkada: L'isola continentale è separata da un canale dalla terraferma e collegata da un ponte che da sul forte normanno degli Orsini. Nasconde due delle spiagge migliori della Grecia, Porto Katsiki e Eggremì ed è ricca di località turistiche affermate (Nidrì, Nikianà, Liyià, Ayios Nikitas, Kathisma) o in via di rapido sviluppo (Sivota, Poros, Meganissi).

7 proposte di viaggio a Creta

Il giro minoico: , Cnosso e la regione di Messaràs

Il giro turistico: - Cnosso - Chersonisso - Malia - Elounda - Ayios Nikolaos - Ierapetra

Creta dei camminatori: Canea - Le gole di Samarià - Loutrò, Sfakià e Frangokastelos - Gavdos - Plakiàs e Preveli

Canea mare: Canea, Akrotiri, Ayia Marina - Drepaniàs e Falasarna, il capo di Gramvoussa, Paleochora e Elafonissi

La regione di Rethmnon: Rethimnon, Plakiàs e Preveli, Panormos, Balì, Anoyia,Cnosso

La costa libica: Ierapetra, Chrissì, Mirtos, Koutsounari, Ayia Fotià, Makris Yialòs - Sitia, Vai

Hidden Crete e Carpato: Sitia, Vai, Itanòs,Palekastro - Zakro e la regione di Lefki- Carpato e Kassos

 

       

Thassos e Kavala

Quindici giorni di mare sulla bellissima Thasso, la regina dell'Egeo settentrionale, tra le destinazioni meglio raccomandate in Grecia per delle vacanze in famiglia.

il giro dell'isola: il capoluogo Limenas, un villaggio contemporaneo costruito in mezzo alle rovine di civiltà arcaiche; Le tre golden Beach di Thasso, Makryammos, Chryssi Ammos e Chrissi Paralia; Panayia e Potamià, il meglio della tradizione urbanistica macedone; Kinira e Alikès, il Paradiso di Thasso; la remota regione di Astris.

Limenaria, Potòs e Prinos, le tre più battute località turistiche di Thasso mare illimitato, archeologia industriale e notti stellate; Il giro per i villaggi montani dell'isola, Theologos, Mariès, Kalirachi, Sotiros, Rachoni e Kazaviti.

una delle più eleganti cittadine della Macedonia e prima città europea ad adottare la religione cristiana; Visita a Filippi, area archeologica che rimanda all'impero di Alessandro; Mare da granturismo a Nea Peramos, Iraklitsa, Amolofi e Keramotì.

Samos e Ikaria

Quindici giorni tra Samos e Icaria due tra le più promettenti alternative di viaggio in Grecia facilmente raggoiungibili da Milano o Roma anche in aereo. Oppure anche da Pireo o Rafina in nave con le vecchie linee o con la superfast.

Samos: natura, ambiente, storia Pitagorio, la capitale turistica di Samos. L'Ereo e l'Efpalinio. La bellissima Samiopoula e i villaggi del monte Bourniàs. I grandi monasteri athoniti di Samos e la grande tradizione artistica. Paleontologia a Mitignì. Cucina e il grande vino locale.

il giro dell'isola: il capoluogo Vathì, un angolo pittoresco e ospitale dell'Egeo tutto in salita. Il museo archeologico non va perso. Mare davvero infinito a est, a ovest e a sud di Vathì. I monasteri. Impossibile non passare a Cusadasi, Efeso. Kokari e le grandi spiagge di Samos. Karlovasi e Marathocambos. Mare, montagna, monasteri e tradizione

Ikaria: Mitologia e realtà. Due isole in una. Ayios Kirikos e le terme. La bellissima Faros. L'arcipelago di Fourni, poco turismo molta libertà. La costa selvaggia: Maganitis e Karkinagri. Le contrade del nord: Karavostamo, Evdilos, Armenistis e Raches. Troppo vento in agosto.

Meteora, Ioannina, Zagori

Entra

Viaggio in pullman (KTEL) da Atene con destinazione Trikala. Corrispondenza per Kalambaka e Kastraki, punti di partenza per la scoperta di Meteora. Da Kalambaka, sempre in pullman si raggiunge Metsovon sul monte Pindos e di là la città di Ioannina. Il giro si chiude tra i villaggi tradizionali di Zagori, alla scoperta del passo di Vicos e delle maestose vette del monte Timfi.

La comunità monastica e le sue origini; I monasteri sospesi: Metamorfosi, Varlaam, Roussanou, Anapafsàs, Ayia Triada, Ayios Stefanos; angoli remoti

Ioannina: da Meteora a Metsovon; Ioannina, la capitale dell'Epiro: le grotte di Perama, il borgo vecchio e l'isolotto di Kirà Frossini; l'oracolo di Dodoni

Zagori: il parco naturale di Vicos-Aoos; Monodendri, Vitsa, Vradeto, Tsepelovo, Aristi, Vicos, Papiggo, Gamila; Zagoria meridionali

Chios

Generalità: ambiente e territorio; accenni storici: il capoluogo e i suoi musei: i quartieri aristocratici di Kambos e Vrondados; Karfas, Limnionas e le spiagge locali: il monastero di Nea Moni; Anavatos, Avgonima, Elinda.

La Masticochora: i villaggi del mastice: Kalamotì, Armolia, Pyrghì, Olimbì, Mesta e Lithì. La golden coast di Komi e le spiagge laviche di Emboriòs. Architettura medievale e chiese storiche.

Kardamila e Volissòs: il nord di Chio, Langada, Inousses e Kardamila; i villaggi del monte Pelineo, Volissòs e Ayios Galas; l'isolotto eroico di Psarà

Si arriva a Chios in aereo da Atene, d'estate vi sono 4 voli al giorno e due d'inverno dall'aeroporto di Spata. In nave si viaggia dai porti di Pireo (147 miglia marine, 10 ore di viaggio all'incirca), Rafina e dai porti di Salonicco e Cavala in Macedonia. Chio è collegata quotidianamente d'estate con Samos, Limnos, Cesmé, il Dodecanneso e Lesvos (Mitilini).

La Hidden Crete: Sitia e Carpato

Un giro insolito poco gettonato dai tour operators. La regione di Sitia a Creta in combinazione con la più staccata delle isole greche, Karpathos. Entra

Sitia, all'estremità nordorientale di Creta. La baia delle palme di Vai, Itanòs e Palekastro. La quarta capitale minoica di Zakros. Lefki, estremo capolinea sudorientale di Creta, regione remota mai sfiorata dal turismo. Koufonissi.

Carpato: un'isola assolutamente da scoprire. Pigadia, Arkassa, Amoopi e Finikì, principali località turistiche. Le meravigliose spiagge della "regione di mezzo". Olimbos, il più autentico museo etnologico del mar Egeo. L'isola remota di Kassos.

Scriveteci le vostre impressioni sui posti visitati. Paesaggi, sentieri, servizi, divertimenti. Molto gradito il materiale fotografico. Lo pubblicheremo: haris@iol.it

 

Laconia e Citera

entra

Giro lungo e abbastanza complesso comprende sostanzialmente due itinerari di viaggio: il primo parte dal porticciolo di Githio nel Peloponneso sudorientale puntando anzittutto verso sud lungo la penisola di Mani, regione aspra e inospitale che deve il suo fascino al secolare isolamento delle sue contrade e dei suoi originalissimi centri urbani. Per i più piccoli, qua si trova una delle grotte lacustri più spettacolari della Grecia, quella di Diròs, mentre gli appassionati del mare e delle marce in natura potranno scoprire ambienti incontaminati che traggono la loro forza nell'assoluta durezza del paesaggio. Quindi in nave da Githio si attraversa il golfo lacone in direzione Citera, l'isola della Venere, posto remoto da sempre noto per la difficoltà di raggiungerlo e in quanto tale curioso e ricercato. L'ambiente è qua e attorno al capoluogo cicladico mentre il mare accontenterà anche i più esigenti. Un'ultima gita giornaliera infine si dirige verso Sparta puntando a Mistràs ultima capitale bizantina, sito da secoli abbandonato che per il suo inestimabile patrimonio storico-religioso è stato dichiarato dall'UNESCO patrimonio dell'umanità.

La seconda unità fà invece perno attorno alla città storica di Monemvassia sulle coste orientali della Laconia e similmente alla precedente si sviluppa su tre subitinerari: il primo si dirige verso l'isolotto di Elafonissos, la più "caraibica" delle esperienze di mare che si possano godere in Grecia. Il secondo punta sul distretto di Zarakas a nord di Monenvassia regione che combina paesaggi di mare e montagna di assoluta originalità a livello di Gerakas e Kiparissi. La terza, la più ostica, si dirige invece a sud alla scoperta della più orientale delle tre penisole del Peloponneso, quella di Maleas e delle sue contrade meridionali, poco popolate e da sempre inserite tra le sorprese della "Hidden Greece".

Githio è facilmente collegabile da Patrasso per autostrada via Tripoli e Sparti mentre l'isola di Citera è collegata sia via aereo con Atene che via nave con Githio Pireo e Creta.

Naxos e la Linea arida

Naxos: la più grande delle Cicladi; storia, territorio, civiltà; Chora, la costa dei Santi, Kastraki; Galanados, Sangrì, Aiassòs; La regione del Tragheas; Apiranthos; Apollon e le coste settentrionali

Le piccole Cicladi: mare stupendo a Koufonissi; angoli della Hidden Greece a Iraklià, Schinoussa e Donoussa

Amorgos: isola limite delle Cicladi celebre per la sua luce, l'incredibile monastero di Panayia e i suoi paesaggi cicladici: Chora, Eyiali, Katapola, Arkessini

Naxos è collegata in aereo da Atene e in nave o aliscafo dai porti di Pireo e Rafina. Dal porto di Naxos parte la leggendaria in Grecia "Linea Arida", la navetta per le piccole Cicladi e l'isola di Amorgòs da poco collegate direttamente da Pireo.

Creta, la regione di Canea

Chanià: La regione di Canea è la più occidentale delle 4 province di Creta mentre il capoluogo Chanià (Canea per i veneziani) la seconda città più importante dell'isola. E' insieme a Rodi, Kavala e Ioannina una delle storicamente più cosmopolite cittadine della Grecia un autentico puzzle etnico fatto di greci, arabi, turchi, ebrei e armeni, a cui si mescolano a un certo punto genovesi e veneti. Per quella sua commistione architettonica merita bene una promenade pomeridiana. Buon mare lungo l'intero tratto di costa sulla strada per Kasteli, nella penisola di Akrotiri, a Kaliviès e a Georghioupoli. A Akrotiri e Kolimbari chi prova attrazione per l'arte bizantina avrà modo di perscrutare ben quattro monasteri storici con incustoditi i tesori della grande scuola di Creta.

L'attraversata del gran "faraghi", le gole di Samarià è una delle sfide in natura più popolari e affascinanti segnalate in Grecia. 16km di marcia di cui ben undici lungo il letto di un torrente ai piedi di una interminabile galleria scoperchiata. Si conclude sul mar libico a livello di Ayia Roumeli.

La parte occidentale della provincia è poco turistica ma promette ottime sorprese paesaggistiche con gran protagonista il mare: a Falassarnà, a Elafonissos e ultima scoperta a Balos sulla penisola di Gramvoussa, il più estremo dei paesaggi di Creta. La permanenza è prevista a Kasteli, il capoluogo, Falassarnà e Drepaniàs sul mare di Creta, Paleochora o Suyia su quello libico.

La regione di Sfakià include i paesi affacciati sul mar libico alle spalle dell'imponenete massiccio che divide in due la regione alzandosi a 2436m dal livello del mare: Sfakià. Loutrò, Fragokastelos sono le destinazioni più probabili una volta attraversate le gole di Samarià e raggiunta Ayia Roumeli. Per i più temerari, da non perdere l'attraversata a Gavdos, la più meridionale delle terre d'Europa

Creta: la regione di Rethimno

Rethimno e Plakiàs: un'ottima alternativa di vacanza a Creta, la montagnosa provincia di Rethimno combina paesaggi di mare di assoluta bellezza, centri urbani segnati dal più originale connubio oriente-occidente, monasteri storici e sul massiccio di Psiloritis, la culturalemente più rappresentativa realtà insulare, il villaggio di Anoyia. Entra

Rethimno, un misto irripitebile di eredità veneziana e ottomana. Adele, Panormos e Balì, il monastero storico di Arkadi sede di un atroce olocausto. Ma è sempre a Anoyia che batte il cuore di Creta. Sullo Psiloritis.

Plakiàs e Prèveli. Un'estensione del comprensorio di Sfakià nella regione di Rethimno, perfettamente combinabile con quella. La spiaggia delle palme di Prèveli e il monastero storico locale sul mar libico.

Una settimana a Samotracia

Una settimana sull'isola di Samothracia, estremo angolo dell'Egeo nordorientale, vacanza molto indicata alle anime solitarie, ai cultori della storia antica e dei misteri del paganesimo e a chi ricerca un sollievo nelle sue acque termali molto curative. Un immenso blocco di roccia nel mezzo del pelago assimilato dagli antichi alla luna, dalla vetta del quale è possibile ammirare l'intero Egeo settentrionale.

Corfu

La città: Generalità; Storia: il passato classico, bizantino, veneziano e coloniale brittanico; il giro per la città vecchia, patrimonio dell'umanità, per Kanoni, Pontikonissi e Achilio. Mare nei dintorni: Glifada, Ayios Gordios, Benitses, Kondoyialòs, Ermones. Corfu meidionale: Messonghì, Moraitika, Lefkimi e Kavos

Paleokastritsa: il nordovest di Corfu. da Paleokastritsa, a Arilas e Ayios Stefanos. La regione di Thinalia: Sidari e Peroulades, Roda e Acharavi, Ayios Spiridon. Gli isoloti delle Diapontie.

Dassia, Kassiopi: La costa azzurra di Corfu: da Kondòkali a Pirghì. I paesini montani del Pantokrator e gli straordinari paesaggi costieri: Barbati, Nissaki, Kalami, Ayios Stefanos. La regione di Kassiopi. Butrint: natura e archeologia nel meridione dell'Albania a poche bracciate da Corfu.

Corfu è direttamente collegata in aereo con Milano Malpensa e Fiumicino e in nave con tutti i porti dell'Adriatico, da Venezia, Ancona, Bari, Brindisi e Otranto. In nave Corfù è collegata con i porti greci di Patrasso, Igoumenitsa, con tutte le isole dello Jonio e con il porto di Saranda in Albania.

Le Sporadi

Entra

Skiathos: Gran turismo; aeroporto internazionale, grandi alberghi e un infinito numero di piscine e night lungo tutta la costa sud e attorno alla "Mecca" turistica di Koukounariès. Decenni fà Skiato era veramente bellissima, oggi la pressione è d'estate "off limits" per gli spazi offerti dall'isola e le sue risorse. Le spiagge di Skiato, sia quelle "commerciali" che quelle ancora "vergini" sono imbattibili per bellezza ma ...

Skopelos: un'oasi naturale nel mar Egeo; Irripetibile in Grecia per densità forestale, Skopelos fà fatica a resistere all'invasione di resistere. Un'infinita combiinazione di roccia, pineta e mare attorno al capoluogo, Stafilos, Panormos, Milià, Loutraki e Glossa.

Alonissos e il suo parco marino. Isola ricca di biodiversità nella quale l'impatto umano si è limitato come non mai nel mar Egeo lasciando alla natura il suo gioco spontaneo: la più grande colonia di foche monache del Mediterraneo trova riparo nelle sue acque protette insieme a delfini, cetacei e un'incredibile varietò di uccelli, insetti e piante.

Nelle Sporadi settentrionali (Skiathos, Skopelos e Alonissos) si arriva in aereo da Atene(Spata airport), in pullman da Atene con le linee della KTEL, imbarco da Ayios Kostandìnos (Lamìa). In traghetto da Vòlos, via Trikeri e Ayios Ioannis (Magnesia). Dai porti di Kìmi e Edipsòs (Eubea). In nave da Salonicco o Moudanià (Calcidica).

Le Cicladi di Confine

Le Cicladi nella loro essenzialità: , Folegandros, Sikino, la "rumorosa" Ios e più in là la sorprendente Anafi nel confine meridionale dell'arcipelago. Il hard core cicladico con il suo inconfondibile aspetto lunare, le spiagge meravigliose e le borgate bianchissime arrampiccate per lo strapiombo.

Sikinos: paesaggi lunari, eleganza cicladica, mare, tanto relax e buon pesce: Alopronia e Kastro.

Folegandros: la luna sulla terra: il fascino del borgo cicladico; mare da sogno.

Ios: terra di eccesso giovanile,per tutti gli altri mare da sogno a giugno, primi di luglio e settembre. A mezz'ora di nave da Santorini garantisce fascino cicladico a Chora e nelle sue frazioni.

Anafi: l'angolo più remoto delle Cicladi, un tempo terra di deportazione, oggi luogo di vacanze per anime solitarie.

Arrivo a Santorini in charter dagli scali di tutta Europa, in nave o aliscafo da Pireo, Rafina e l'isola di Creta.

Patmos e Astipalea

Entra: Due piccole isole del Dodecanneso, Patmos e Astipalea possono essere considerate le più "cicladiche" delle isole del gruppo. Loro punto di forza sicuramente il mare anche se Patmos è soprattutto nota per il Sacro Monastero di San Giovanni. Patmos è collegata con Pireo via nave mentre Astipalea dispone di aeroporto ed è collegata d'state 6 volte alla settimana con l'aeroporto di Spata ad Atene. Tra loro sono collegate lungo la tratta "arida" Patmos - Leros - Kalimnos - Astipalea. Fanno entrambe parte della provincia di Kalimnos.

Patmos: un'isola vibrante all'ombra del monumentale monastero di San Giovanni; Skala, Chora e le grandi spiagge: Kambos, Lambi, Grikos, Psilì Ammos, Diakofti, Geranòs. Gli isolotti dell'arcipelago di Lipsì e Arki terra natia di Calipso nella mitologia. Agathonissi.

Astipalea: isola arida e inospitale si distingue per la sua borgata cicladica che si estende ai piedi del massiccio fortino dei Quirini. Terra brula, sole e mare a Livadi, Ayios Kostantinos, Kaminakia, Maltezana e Vathì

Cefalonia e Itaca

Cefalonia: Ricordi personali; il terremoto del 1950; Cefalonia e l'Italia; Geografia e territorio; mappa; Collegamenti.

il giro dell'isola: Argostoli, Lassi e Livathò; La penisola di Lixouri e le coste di Xì e Petanì; Sami, Ayia Efimia; Karavomilos e le grotte di Melissani; Fiscardo e la penisola di Erissòs; Skala, Poros e Kateliòs; Enogastronomia; Links.

Itaca: Mitologia e realtà. Da Vathì, a Stavròs, Frikes e Kioni

Cefalonia è direttamente collegata d'estate con gli aeroporti di Malpensa e Fiumicino e 12 mesi all'anno con i principali porti dell'Adriatico, Ancona, Bari e Brindisi. Dista da Patrasso un'ora e mezza di nave ed è collegata con tutte le restanti isole dello Jonio (Corfu, Zante, Lefkada, ecc.).

 

 

Mykonos e Santorino

Myconos e Santorino, le Cicladi in versione "glamour"

Mykonos: l'apripista del turismo nell'Egeo: Chora, l'icona delle Cicladi; le grandi spiagge: Ayios Ioannis, Ornòs, Psarou, Paradise, Super Paradise Elià, Livadi, Kalafatis e Panormos. Passaggio a Delos l'isola che diede i natali a Apollo e Artemide: giro storico e archeologico.

la più estrosa delle Cicladi; la caldera e la sua formazione storica; Firà, Ia, Merovigli: il fascino di un'urbanistica tracciata sullo strapiombo; Perissa, Kamari e le spiagge laviche di Santorini; tracce minoiche a Akrotiri: il giro per la caldera

Milos, Kimolos e Sifnos

Entra

Milos: dopo Santorini, la più suggestiva per paesaggi di mare di tutte le Cicladi: attività vulcanica, terremoti, geotermia: una storia centrata attorno alle miniere di gesso: Adamas, Plaka e dintorni: da Mandraki a Polonia: spiagge incredibili, grotte e "sirmata"; paesaggi irripetibili lungo le coste meridionali di Milos; Kimolos e le sue spiagge termali.

il borgo cicladico nella sua espressione più autentica; sabbia, mare e luce intensa: una religiosità sconfinata.

entrambe queste isole sono raggiungibili in nave o catamarano da Pireo e Rafina, mentre Milos è collegata d'estate una volta al giorno con l'aeroporto di Spata ad Atene.

Creta: la regione di Iraklio

Il giro cosiddetto minoico di Creta parte da Iraklion per spostarsi verso sud nella regione di Messaràs e verso facendo tappa nei due principali palazzi minoici di Cnosso e Festo. Entra

la capitale di Creta. Un giro veloce della città e del suo monumentale museo archeologico che riassume il meglio della civilizzazione minoica. Permanenza a Iraklion o ancora alle località di villeggiatura Ammoudares, Fodele e Ayia Pelagia.

Visita obbligata da Iraklion alla capitale minoica Cnosso tra le più spettacolari e misteriose aree archeologiche della Grecia, il palazzo di Minosse, luogo principale di una civiltà che introduce il continente europeo nell'età del bronzo.

Si punterà verso sud e la regione di Messaràs con le sue spiagge meravigliose affacciate sul mar Libico, la celebre Matala, Kommòs, Ayia Galini, Lentas e Kalì Limenes. Archeologia di grande interesse a Festo, secondo per importanza palazzo minoico, Ayia Triada, Kommòs e Gortina.

Creta orientale

La più turistica delle regioni di Creta si estende nel tratto che va da Malia a Ayios Nikolaos. Condizioni di"gran turismo" a Amnissòs, Chersonissos, Malia, Stalida, Elounda, Ayios Nikolaos e Istron. Immersione nelle acque subtropicali della regione di Ierapetra sul mar libico. Entra

La regione littoranea di Chersonissos e Malia a est di Iraklion negli ultimi decenni principali centri di smistamento del turismo a Creta concentrano la parte migliore dell'industria turistica locale. Da non perdere a Malia il terzo per importanza dei 4 palazzi minoici di Creta.

Due ulteriori mostri sacri del turismo a Creta nella regione di Lassithi, prima Elounda e poi Ayios Nikolaos. Il giro prevede diversi stop a Sissi, alla celoebre a Creta vallata dei mulini a Istron e Pachià Ammos. Grandi appuntamenti archeologici a Gournià, Vassilikì e Mochlos sulla strada per Sitia

Ierapetra, la capitale del sud. Mare da sogno a Koutsounari, Chrissì, Koutsouràs, Ayia Fotià, Makrìs Yialòs e Mirtos.

Una settimana a Skyros

Una settimana a Skyros, uno degli angoli meno accessibili e più tranquilli di tutto il mar Egeo. Punto forte la bellissima spiaggia di Magazià, il capoluogo Skira paesaggio inconfondibile nel suo candore e lo stile locale impresso nella mobilia e nella lavorazione della ceramica. Si arriva in aereo oppure dal porto di Kimi sull'isola di Eubea.

INDICE

Alonissos e il parco marino
Amorgos
Anafi
Astipalea
Carpato e Casso
Castelorizo
Cefalonia
Chios: Kardamila, Volissos e Psarà
Chios: Mastichocoria
Citera
Corfu
Creta: Ayios Nikolaos Elounda
Creta: Canea
Creta: Cnosso e Acharnes
Creta: Festo e Messaras
Creta: Ierapetra
Creta: il passo di Samarià
Creta: Kissamos e Paliochora
Creta: Malia e Chersonissos
Creta: Plakiàs e Preveli
Creta: Rethimno
Creta: Sfakià e Gavdos
Creta: Sitia, Zakros e Xerokambos
Folegandros
Ikaria
Ioannina e Metsovo
Ios
Itaca
Koufonissia
Laconia: Githio e Mani
Laconia: Monemvassia, Molai, Elafonissos
Laconia: Sparta e Mistras
Lefkada
Mikonos e Delos
Milos
Naxos
Nissiros
Parga e Sivota
Patmos
Paxì
Rodi
Rodi: Lindos, Kamiros Chalki
Samos: Pitagorio
Samos: Vathì, Kokari, Karlovassi, Marathokambos
Samothraki
Santorino
Sikinos
Simi
Skiathos
Skopelos
Skyros
Thassos
Tilos
Zagori e il Parco di Aoos